Weber Blog: notizie dal mondo dell'etichettatura e della marcatura industriale

Stampanti termiche: Cosa sono e come funzionano

Hai sentito parlare di  stampanti termiche, ma non hai idea di cosa siano?

Le stampanti termiche sono un oggetto dell’uso quotidiano, anche se non se ne parla molto. Ad esempio se siete stati in qualsiasi supermercato o bottega, c’è sempre una stampante termica che stampa gli scontrini accanto alla cassa.

E’ differente dalle normali stampanti per il suo funzionamento: imprime loghi, scritte e immagini grazie al surriscaldamento di sostanze chimiche.

Proprio per questo si chiama stampante termica: ha una testina che si attiva nel momento in cui deve imprimere un’immagine.

Come funzionano le stampanti a trasferimento termico?

Le stampanti hanno un alloggiamento per le etichette o carta a modulo continuo, quindi con una gestualità immediata si può inserire facilmente la bobina e poi si può inserire il nastro di stampa (la parte nuova si inserisce sulla testina) e poi siamo pronti all’utilizzo.

La versatilità di questa tecnologia di stampa, permette di stampare su vari supporti. In base alla tipologia di stampante termica, si può usare il ribbon o non usarlo.

Tutti i ribbon inoltre sono costruiti da una composizione della resina per massimizzare e rendere al top le prestazioni di stampa.

Quali sono i vantaggi dell’utilizzo di una stampante termica?

Le stampanti termiche, utilizzate per scopi professionali, hanno davvero diversi vantaggi rispetto alle stampanti laser o ad aghi o a inkjet.

Uno dei tanti è sicuramente: la velocità di scrittura e stampa. Esistono inoltre due tipologie di stampante termica: a trasferimento termico e a stampa termica diretta.

  • La stampante a trasferimento termico:

    utilizza sostanze chimiche come appunto inchiostri speciali che poi si fissano su carta con un gas per poi lasciare il colore. Una tecnica davvero ottimale che permette di stampare a livelli altissimi, con possibilità di utilizzare carte di diverse tipologie: adesiva, carta normale ecc.

  • La stampante termica diretta:

    utilizza carta sensibile al calore e con un pannello molto più semplice all’utilizzo. La testina della stampante riscalda la superficie della carta, in modo da poi imprimere solo nelle parti interessate il disegno. Lo svantaggio è sicuramente l’impossibilità di stampare a colori e quindi la grafica non è di certo perfetta. Rispetto alla stampante a trasferimento termico, in questo caso, i costi sono sicuramente ridotti e vi è una velocità davvero elevata. Le attività di solito usano questa tipologia di stampante per i loro scontrini. Come capita spesso con gli scontrini inoltre, la stampa tende a sbiadire nel tempo e quindi la carta sarà illeggibile e inutilizzabile nel tempo.

Ci sono delle stampanti, quelle più in voga al momento che sono in grado sia di stampare in modalità termica che in modalità termica diretta.

Per capire quale delle stampanti fa più al caso tuo, ti consigliamo di dare un’occhiata a questo link sulle stampanti termiche:

Ti permetterà di analizzare al meglio la situazione e di capire cosa fa al caso tuo, in base ovviamente alle tue possibilità e a ciò di cui ti occupi.

Le stampanti termiche spesso vengono utilizzate per stampare etichette, il risparmio di tempo e la velocità, fanno si che siano davvero un prodotto top per le aziende.

Inoltre, con i nuovi business e soprattutto con i business incentrati sulla logistica, le stampanti termiche sono davvero una soluzione alla riduzione dei costi.

Da qualche tempo assistiamo alla digitalizzazione della logistica, moltissime aziende ne hanno dei grandi benefici, tra i quali:

  • Costi di logistica inferiori sul lungo termine
  • Velocità di trasporto
  • Eco-trasporti

Inoltre il ruolo dell’etichettatura nella logistica digitale, è davvero importante, le aziende la utilizzano per la velocità, l’efficacia e l’efficienza.

Il principale uso delle stampanti termiche è sicuramente quello di etichettare e quindi semplificare la vita dei settori logistici e industriali.

I brand che se ne occupano sono numerevoli, ad esempio: Zebra, Sato, Epson, Datamax, ognuno con la sua specifica e peculiarità di stampa.

Le stampanti sono davvero di grande livello e risolvono molti dei problemi affidati a stampanti di tipo standard, offrendo:

  • Qualità di stampa al top sia b/n che a colori
  • Stampa duratura
  • Professionalità e ottime garanzie sull’utilizzo
  • Compatibilità con Wlan e Rfid

Per approfondire l’argomento, ti rimandiamo a questo link:

https://www.webermarking.it/stampanti-per-etichette.html

Perché scegliere la tecnologia a trasferimento termico?

La tecnologia di stampa a trasferimento termico, ha un’ottima qualità di stampa e le possibilità di stampa sono davvero infinite e supportano tutti i tipi di materiali.

I vantaggi come abbiamo detto sono numerevoli, ma soprattutto abbiamo:

  • Buona leggibilità e resistenza
  • Alta qualità di stampa con risoluzione fino a 12 punti per mm
  • Stampe resistenti agli Uv
  • Stampa di barcode per il tuo nuovo business
  • Una velocità di stampa tra i 30 mm/sec e i 150 mm/sec

Il nostro consiglio inoltre è sicuramente quello di scegliere in base alle tue necessità, parlarne con degli esperti e trovare il giusto compromesso per il tuo utilizzo.